Durata: 4 ore (1 ora di teoria + 3 ore di pratica) oltre al tempo per i test

Rif. normativi: D.Lgs. 81/2008, Accordo Stato-Regioni febbraio 2012

SCHEDA CORSO PDF
CONTATTACI PER INFO
CORSI IN PARTENZA
SCENARIO e ATTREZZATURE

Scenario MOVIMENTAZIONI INDUSTRIALI
Si tratta di un capannone industriale in cui viene ricreato l’ambiente tipico industriale ove l’addestramento verrà eseguito sia in esterno in area adiacente al fabbricato, sia all’interno di uno dei capannoni.

Macchine
PLE con stabilizzatori: cestello elevatore su autocarro

Tipologie di utilizzo
Le prove di spostamento, stabilizzazione, movimentazione e sollevamento verranno eseguite su differenti condizioni del terreno e con differenti tipologie di ostacoli posizionati a terra ed in quota.

OBIETTIVI

Essere in grado di utilizzare in sicurezza le piattaforme di lavoro elevabili, conoscere i controlli da effettuare prima dell’utilizzo e prima del trasferimento su strada, saper operare in caso di emergenza e/o di guasto recuperando l’operatore, saper eseguire le manovre di posizionamento della PLE con operatore a bordo, salita, discesa, rotazione e accostamento della piattaforma alla posizione di lavoro.
Sapere eseguire le verifiche periodiche e le manutenzioni di base.

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI (DPI)

Per l’esecuzione della prova pratica si richiede l’uso dei seguenti DPI aziendali: casco, scarpe di sicurezza.
Verranno invece forniti dall’organizzazione i seguenti DPI: imbracatura, cordino di trattenuta, gilet ad alta visibilità.

PREREQUISITI

Buona conoscenza scritta e parlata della lingua italiana.
Formazione di base per lavoratori sui temi della salute e sicurezza sul lavoro.
Idoneità alla mansione.

PROTOCOLLO FORMATIVO

Modulo tecnico ( 1 ora)

  1. Presentazione del corso. Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro per lavori in quota (D.Lgs. 81/2008). Responsabilità dell’operatore
  2. Categorie di PLE: i vari tipi di PLE e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche.
  3. Componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio elevabile.
  4. Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
  5. Controlli da effettuare prima dell’utilizzo: controlli visivi e funzionali.
  6. DPI specifici da utilizzare con le PLE: caschi, imbracature, cordino di trattenuta e relative modalità di utilizzo inclusi i punti di aggancio in piattaforma.
  7. Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti nell’utilizzo delle PLE (rischi di elettrocuzione, rischi ambientali, di caduta dall’alto, ecc.); spostamento e traslazione, posizionamento e stabilizzazione, azionamenti e manovre, rifornimento e parcheggio in modo sicuro a fine lavoro.
  8. Procedure operative di salvataggio: modalità di discesa in emergenza.

Modulo pratico: PLE con stabilizzatori (3 ore).

  1. Individuazione dei componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio elevabile, piattaforma e relativi sistemi di collegamento.
  2. Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, identificazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione
  3. Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali delle PLE, dei dispositivi di comando, di segnalazione e di sicurezza previsti dal costruttore e dal manuale di istruzioni della PLE.
  4. Controlli prima del trasferimento su strada: verifica delle condizioni di assetto (presa di forza, struttura di sollevamento e stabilizzatori, ecc).
  5. Pianificazione del percorso: pendenze, accesso, ostacoli sul percorso ed in quota, condizioni del terreno.
  6. Posizionamento della PLE sul luogo di lavoro: delimitazione dell’area di lavoro, segnaletica da predisporre su strade pubbliche, posizionamento stabilizzatori e livellamento.
  7. Esercitazioni di pratiche operative: effettuazione di esercitazioni a due terzi dell’area di lavoro, osservando le procedure operative di sicurezza. Simulazioni di movimentazioni della piattaforma in quota.
  8. Manovre di emergenza: effettuazione delle manovre di emergenza per il recupero a terra della piattaforma posizionata in quota.
  9. Messa a riposto della PLE a fine lavoro: parcheggio in area idonea, precauzioni contro l’utilizzo non autorizzato. Modalità di ricarica delle batteria in sicurezza (per PLE munite di alimentazione a batteria).
MATERIALE CONSEGNATO

Dispensa delle lezioni

VERIFICA DI APPRENDIMENTO: moduli teorici

Al termine dei due moduli teorici (al di fuori dei tempi previsti per i moduli teorici) si svolgerà una prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta multipla concernente anche i quesiti sui DPI.
Il superamento della prova, che si intende superata con almeno il 70% delle risposte esatte, consentirà il passaggio ai moduli pratici specifici. Il mancato superamento della prova comporta la ripetizione dei due moduli.

VERIFICA DI APPRENDIMENTO: modulo pratico

Al termine del modulo pratico (al di fuori dei tempi previsto per i moduli pratici) avrà luogo una prova pratica di verifica finale, consistente nell’esecuzione di almeno 2 delle seguenti prove:

a)       Spostamento e stabilizzazione della PLE sulla postazione di impiego (Controlli pre-utilizzo – Controlli prima del trasferimento su strada – Pianificazione del percorso – Posizionamento della PLE sul luogo di lavoro – Messa a riposo della PLE a fine lavoro);

b)       Effettuazione manovra di: salita, discesa, rotazione, accostamento della piattaforma alla posizione di lavoro;

c)       Simulazione di manovra di emergenza (Recupero operatore – Comportamento in caso di guasti).

Tutte le prove pratiche eseguite devono essere superate.
Il mancato superamento della prova di verifica finale comporta l’obbligo di ripetere il modulo pratico.

ATTESTATO

L’esito positivo delle prove di verifica intermedia e finale, unitamente a una presenza pari al 90% del monte ore, consente il rilascio, al termine del percorso formativo, dell’attestato di abilitazione.